SEO per lo shopping natalizio: suggerimenti e tecniche per i siti di e-commerce

SEO per lo shopping natalizio: suggerimenti e tecniche per i siti di e-commerce

Prima che la stagione degli acquisti natalizi si avvicini, i rivenditori online dovrebbero preparare e aggiornare i contenuti, le categorie e le pagine dei prodotti per massimizzare la visibilità della ricerca quando l’interesse aumenta e controllare i loro siti per garantire un’esperienza utente fluida.

Anche se potrebbero mancare solo poche settimane prima del Black Friday, c’è ancora molto tempo per implementare i suggerimenti e le tecniche di seguito, per assicurarti di ottenere il massimo dal lavoro che il tuo team ha già svolto e che tu non commetta errori che potrebbero danneggiare la tua attività durante questa stagione critica.

Approfitta degli elenchi di prodotti gratuiti

Google da Aprile 2020, ha reso gratuito Google Shopping e Bing ha seguito l’esempio nel mese di Agosto. Mostrare i tuoi prodotti in questi risultati può significare l’esposizione gratuita a milioni di persone che utilizzano Google e Bing Shopping per cercare regali per le prossime festività.

Per essere idoneo a comparire nei risultati di Shopping, devi caricare i feed dei prodotti rispettivamente su Google e Microsoft Merchant Center. Se gestisci un negozio fisico, c’è un programma separato in Google Merchant Center (GMC) chiamato “Annunci di prodotto disponibili localmente, “Che può essere utilizzato per mostrare la disponibilità del prodotto in Ricerca Google, Google Immagini, Google Shopping, Google Maps e Google Lens.

Tieni traccia del rendimento della campagna. Il monitoraggio delle tue campagne può consentirti di prendere decisioni più strategiche in futuro. Sfortunatamente, i rapporti per queste inserzioni organiche non sono dettagliati come per le campagne a pagamento.

I rapporti non erano disponibili quando Bing ha reso gratuiti gli annunci Shopping ma l’azienda prevede di implementare le metriche di base (clic e impressioni) nei prossimi mesi.

In GMC, il rapporto sul rendimento mostra i clic da Surfaces su Google. In Google Analytics, i clic provenienti da elenchi di acquisti gratuiti sono classificati come traffico “google / organico”, il che significa che non è possibile stabilire come stanno andando i tuoi elenchi di acquisti organici rispetto ai tradizionali elenchi di ricerca organici. Come soluzione alternativa, è possibile codificare le URL con i parametri UTM per monitorare in Google Analytics il comportamento degli utenti in seguito ai clic sugli annunci gratuiti di Google Shopping.

Aggiungi dati strutturati per segnalare la pertinenza e informare gli acquirenti

Schema del prodotto. “Google ha introdotto innumerevoli nuove funzionalità di acquisto direttamente nei risultati di ricerca”, indicando funzionalità basate sui dati strutturati come i testi informativi dei prodotti,  il carosello dei prodotti popolari e la loro importanza nei risultati di ricerca. “Senza incorporare questi nuovi dati strutturati, la tua classica posizione in serp potrebbe non essere sufficiente per indirizzare il traffico verso il tuo sito”.

Il carosello dei prodotti popolari. Gli utenti possono anche visualizzare da mobile, il Carosello dei prodotti popolari di Google se cercano abbigliamento e prodotti di moda. Questo tipo di risultato consente agli utenti di filtrare le categorie di prodotti, visualizzare diversi colori, leggere recensioni e confrontare i prezzi senza dover fare clic sul sito di un rivenditore (sebbene dovranno fare clic sul collegamento di un negozio per completare l’acquisto).

Risultati di ricerca organici di Google Prodotti popolari

Puoi inserire i tuoi prodotti in questo carosello contrassegnandoli con lo schema del prodotto e / o inviando un feed prodotto in Google Merchant Center. Puoi leggere ulteriori informazioni sui requisiti dello schema, nonché su come ottimizzare questa funzione, nella guida ufficiale di Google.

Aggiorna e riposiziona i tuoi contenuti sempreverdi

Ottimizzai tuoi migliori contenuti durante tutto l’anno. I contenuti sempreverdi possono essere una risorsa per i potenziali clienti tutto l’anno e continuare a servire la tua azienda anno dopo anno. “Non creare nuove pagine da pubblicizzare per le tue campagne natalizie per poi ritirarle immediatamente subito dopo. Il nostro consiglio è quello di  creare contenuti validi, come le guide ai regali, a cui possono collegarsi internamente durante tutto l’anno avvicinando gli utenti in modo più prominente verso lo shopping natalizio. “Consenti a quel contenuto di ottenere collegamenti esterni, invece di rimuoverlo e ricominciare da capo anno dopo anno”.

Accontenta il consumatore in vacanza. Segmentare le tue domande e riposizionare i tuoi contenuti sempreverdi di conseguenza è fondamentale per il suo successo durante le vacanze.

“Chiediti, durante le vacanze, sono le stesse persone che prendono le decisioni di acquisto?”  “Un buon esempio sono i videogiochi: durante gran parte dell’anno, l’acquirente principale sarà il giocatore, ma durante le vacanze, le statistiche rivelano che è un regalo estremamente popolare. “

In questo esempio, se disponi di contenuti orientati al posizionamento per query relative ai “giochi migliori”, ti consigliamo di modificare i contenuti per le festività per rispondere alle domande del nuovo consumatore (l’acquirente del regalo). Orientare i contenuti in quella direzione ti aiuterà a trarre vantaggio dalle classifiche esistenti.

Oltre ad aggiornare i tuoi contenuti, dovresti anche rivedere le tue descrizioni e titoli delle pagine; ad esempio, un titolo come “Guida per genitori ai migliori videogiochi del 2020” ha maggiori probabilità di attirare clic da parte dei genitori rispetto a “I migliori videogiochi del 2020”. Rielaborare i tuoi contenuti tenendo a mente questi fattori può aiutarti ad attirare più clic durante le vacanze e convertire il traffico che stai ricevendo.

Crea pagine di categorie e prodotti appositamente per gli acquirenti delle festività

È probabile che gli acquirenti stiano cercando offerte specifiche e dovrai assicurarti che possano trovarle il più facilmente possibile. Estendere le ottimizzazioni incentrate sullo shopping natalizio alle pagine dei prodotti e delle categorie ti aiuterà a raggiungere questo obiettivo.

Crea pagine di categoria che riflettano il modo in cui gli acquirenti effettuano la ricerca. Ottimizza le pagine delle categorie di alto valore con le parole chiave appropriate per ogni festività,. Puoi farlo aggiornando i tag title della categoria, le meta descrizioni e il contenuto della pagina per includere parole chiave e prodotti “.

“Ad esempio,” offerte black friday TV “è un termine di ricerca molto popolare utilizzato dai clienti durante il Black Friday”, indicando la pagina della categoria di Best Buy che è stata ottimizzata per questo intento specifico.

Collabora per evitare opportunità perse. Quando crei nuove pagine di prodotti e / o categorie, collabora con il tuo team di PR e social per guidare i backlink a quelle pagine. Spesso, i team di marketing creano nuove pagine, senza consultare i team SEO e l’autorità viene diluita o persa. Se la tua azienda crea volantini virtuali, assicurati che i collegamenti a quei volantini siano facilmente accessibili. Questi sono spesso raccolti da siti di terze parti e sono una grande fonte di backlink e creano entusiasmo per acquistare le tue offerte.

Cose che possono danneggiare la tua visibilità e le tue vendite durante le festività natalizie

Oltre a valutare cosa può essere ottimizzato durante la stagione degli acquisti natalizi, i tuoi team dovrebbero anche controllare il tuo sito per assicurarsi che funzioni come previsto e rimandare qualsiasi progetto importante fino alla fine di questo periodo cruciale di vendite.

Verifica la presenza di errori che potrebbero influire sulle conversioni. Ad esempio, verifica che non ci siano pagine importanti bloccate da robots.txt per essere scansionate o indicizzate, categorie o URL di prodotti non funzionanti o pagine con caricamento lento. Affrontare questi errori nella fase iniziale può portare a una migliore esperienza per i tuoi clienti, che può tradursi in maggiori vendite.

Analizza l’esperienza di navigazione. Controllare l’esperienza di navigazione dei tuoi utenti può aiutarti a mantenere i visitatori sulla strada giusta. Ad esempio, se hai una pagina di domande frequenti indipendente per una particolare categoria di prodotti, gli acquirenti possono essere distratti su una pagina che non è orientata alla conversione.

Corsi suggeriti:

Lascia un commento